Home | Sistema RAEE | Attori del sistema RAEE | Impianti di trattamento |

Impianti di trattamento

Gli impianti di trattamento sono aziende autorizzate a svolgere attività di riciclo e recupero dei RAEE.

Come definito dal D. Lgs. 49/2014, hanno l’obbligo di iscriversi all’apposito registro predisposto dal Centro di Coordinamento RAEE e di comunicare annualmente, entro il 30 aprile, le quantità di RAEE gestite. Il mancato rispetto di questi obblighi determina una sanzione economica che varia da 2.000 a 20.000 euro.
L’iscrizione al registro del Centro di Coordinamento RAEE è gratuita ed è richiesta anche agli impianti che svolgono la sola attività di movimentazione e stoccaggio dei rifiuti elettronici (operazione R13).
L’iscrizione è inoltre indipendente dall’origine dei RAEE (domestica o professionale).

Gli impianti che vogliono trattare i rifiuti elettronici domestici per tramite dei Sistemi Collettivi devono accreditarsi presso il Centro di Coordinamento RAEE dimostrando di possedere i requisiti previsti dall’accordo di programma sull’adeguato trattamento dei RAEE.

Accordo di programma

L’accordo di programma relativo al trattamento dei RAEE, previsto dall’art. 33 comma 5 lettera g del D. Lgs. 49/2014, individua i requisiti per la qualificazione delle aziende di trattamento dei RAEE al fine di assicurare adeguati ed omogenei livelli di trattamento dei rifiuti elettronici domestici raccolti sul territorio nazionale.

Il testo attualmente vigente, siglato da ASSORAEE, Assorecuperi, Assofermet e dal CdC RAEE, è in vigore dal 15 ottobre 2021.

L’accreditamento presso il CdC RAEE avviene a seguito del rilascio di un’apposita certificazione, ottenuta al superamento di un audit condotto da verificatori terzi qualificati dal consorzio.

Gli enti attualmente incaricati di condurre le verifiche sono:

Certiquality S.r.l.

SGS Italia S.p.A.

 

I Sistemi Collettivi hanno l’obbligo di conferire i RAEE domestici raccolti nell’ambito delle attività coordinate dal CdC RAEE esclusivamente ad impianti accreditati.

Documenti e modulistica

In questa sezione sono disponibili i documenti e i moduli funzionali all’accreditamento degli impianti di trattamento presso il CdC RAEE.

Le specifiche tecniche descrivono nel dettaglio i requisiti di trattamento ulteriori rispetto alla normativa vigente e le modalità di verifica.

SPECIFICHE TECNICHE REVISIONE DATA PUBBLICAZIONE FORMATO
ST_ 01_ R1_Mix 1.0 Settembre 2021 PDF
ST_1A_R1_VFC 1.0 Settembre 2021 PDF
ST_1B_R1_VHC 1.0 Settembre 2021 PDF
ST_02_R1_Climatizzatori 1.1 Gennaio 2022 PDF
ST_03_R1_Frigoriferi ammoniaca 1.0 Dicembre 2021 PDF
ST_05_R2_Apparecchiature di grandi dimensioni 1.0 Settembre 2021 PDF
ST_06_R3_CRT 1.0 Settembre 2021 PDF
ST_07_R3_FPD 1.1 Febbraio 2022 PDF
ST_09_R4_Elettronica consumo 1.1 Novembre 2021 PDF
ST_10_R5_Lampade 1.0 Settembre 2021 PDF
ST_Allegato A_Recupero e riciclaggio 1.0 Settembre 2021 PDF
ST_Allegato B_Analisi laboratorio 1.1 Gennaio 2022 PDF
ST_Allegato C_Preparazione lotto 1.0 Settembre 2021 PDF
MODULISTICA GENERALE REVISIONE DATA PUBBLICAZIONE FORMATO
Modulo richiesta certificazione 1.1 Dicembre 2021 DOCX
Check list 1.1 Dicembre 2021 XLSX
R1_Modello fase 1_2021 1.1 Novembre 2021 XLSX
R1_Modello fase 2_2021 1.0 Ottobre 2021 XLSX
Rapporto esecuzione lotto_Template R1 1.0 Ottobre 2021 DOCX
Rapporto esecuzione lotto_Template R2 1.0 Settembre 2021 DOCX
Rapporto esecuzione lotto_Template R3 - CRT 1.0 Settembre 2021 DOCX
Rapporto esecuzione lotto_Template R3_FLAT 1.1 Febbraio 2022 DOCX
Rapporto esecuzione lotto_Template R4_Elettronica 1.0 Settembre 2021 DOCX
Rapporto esecuzione lotto_Template R5 1.0 Settembre 2021 DOCX
ModC – Rendicontazione a CdC 1.1 Gennaio 2022 XLSX
ModH – Preparazione per il riutilizzo 1.0 Settembre 2021 DOCX
ModJ – Frazioni tipiche trattamento 1.0 Settembre 2021 PDF
ModY – Monitoraggio plastiche 1.0 Settembre 2021 DOCX
ModZ – Dichiarazioni accettanti 1.1 Dicembre 2021 DOCX
Elenco laboratori 1.3 Aprile 2022 PDF
Valutazioni su ripartizione tra Categorie e Raggruppamenti - Febbraio 2022 PDF
Riservatezza - - PDF

Schede Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Le schede forniscono, in ottemperanza ai requisiti previsti dall’art. 27 del D. Lgs. 49/2014, le informazioni salienti relative alle diverse tipologie di AEE al fine di favorirne un trattamento adeguato una volta dismesse.

Apparecchi di illuminazione

Apparecchi di riscaldamento a biomassa

Asciugatrici

Aspirapolvere

Caldaie a biomassa

Cappe Aspiranti

Cartucce toner, ink-jet e sacche ink

Condizionatori

Console per videogiochi

Dispositivi elettromeccanici o elettronici modulari o da serie civile

Elettroutensili

Fotocamere

Frigoriferi e congelatori

Lampade fluorescenti

Lampade LED

PC portatili

Piani cottura

Scaldacqua elettrici

Schermi a tubo catodico

Schermi al plasma

Schermi e display per videocitofonia e domotica

FAQ

L’accreditamento rappresenta la possibilità, per un impianto, di ricevere i RAEE di uno specifico raggruppamento dai Sistemi Collettivi ai fini del trattamento. Si ottiene a seguito del possesso della certificazione per una sub-categoria caratterizzante per quel raggruppamento.

I requisiti per l’accreditamento sono indicati nel testo dell’accordo di programma sull’adeguato trattamento e nelle singole specifiche tecniche.

La durata delle verifiche dipende dalla tipologia di impianto, sulla base di quanto indicato nei documenti relativi all’accordo di programma sull’adeguato trattamento; l’iter deve concludersi al più tardi entro 4 mesi dall’audit in campo.

I costi delle verifiche vengono definiti contrattualmente direttamente con l’ente di certificazione scelto e sono a carico dell’impianto che ne fa richiesta.

La certificazione è la capacità di un impianto di trattare i RAEE di una delle sub-categorie previste dall’allegato 2 dell’accordo, nel rispetto di quanto richiesto dalle relative specifiche tecniche. Si ottiene a seguito del superamento di un apposito audit di verifica condotto da enti terzi ed ha una durata di 24 mesi.

L’accreditamento rappresenta la possibilità, per un impianto certificato, di ricevere i RAEE di uno specifico raggruppamento. Si ottiene a seguito del possesso della certificazione per una sub-categoria caratterizzante per quel raggruppamento ed è subordinato al mantenimento della certificazione stessa.

Ai fini del trattamento, i Sistemi Collettivi hanno l’obbligo di consegnare i RAEE domestici esclusivamente agli impianti accreditati per i raggruppamenti. L’impianto certificato per una o più sub-categorie residuali può ricevere i RAEE della/e sub-categoria/e da parte degli impianti accreditati per il raggruppamento.

Per avere l’accreditamento per uno specifico raggruppamento un impianto deve prima ottenere la certificazione per almeno una delle sub-categorie di RAEE definite caratterizzanti per il raggruppamento stesso. L’elenco delle sub-categorie è riportato nell’allegato 2 dell’accordo sul trattamento.

Salvo comunicazioni diverse da parte del CdC RAEE, per richiedere la certificazione un operatore deve registrarsi al portale del CdC RAEE (accessibile dal sito www.cdcraee.it) ed attivare il relativo iter. La richiesta di certificazione prevede di indicare la tipologia di RAEE da certificare, l’ente di certificazione scelto ed una serie di dati anagrafici dell’impianto.

NOTA BENE: a partire dall’1/01/2021 e fino a nuova comunicazione, l’operatore interessato alla certificazione deve prima registrarsi sul portale del CdC RAEE (accessibile dal sito www.cdcraee.it) e successivamente compilare il seguente modulo da inviare tramite mail all’indirizzo calendario.audit@cdcraee.it.

Scarica il modulo di richiesta

Le sub-categorie di RAEE per le quali l’impianto di trattamento può richiedere la certificazione sono elencate nell’allegato 2 dell’accordo sul trattamento.

Le sub-categorie sono classificate come caratterizzanti o residuali per il raggruppamento. L’impianto certificato per una sub-categoria caratterizzante ottiene automaticamente l’accreditamento per il raggruppamento a cui la sub-categoria appartiene.

I raggruppamenti sono i cinque gruppi in cui viene organizzata la raccolta differenziata dei RAEE a partire dalle isole ecologiche; attualmente sono ancora disciplinati sulla base dell’allegato 1 del D.M. 25 settembre 2007 n. 185.

Le sub-categorie sono le tipologie di RAEE che, pur appartenendo ad un medesimo raggruppamento, necessitano un trattamento particolare e differenziato.
All’interno di ciascun raggruppamento possono essere presenti più sub-categorie, che si classificano come caratterizzanti o residuali. Il possesso della certificazione per una sub-categoria caratterizzante conferisce automaticamente l’accreditamento per il raggruppamento di cui la sub-categoria fa parte.

La durata dell’accreditamento per ogni singolo raggruppamento è subordinata al mantenimento della certificazione per almeno una delle sub-categorie classificate come caratterizzanti per il raggruppamento stesso. Un impianto può essere accreditato per più raggruppamenti, ciascuno con la propria scadenza.

La durata della certificazione è pari a due anni ed è subordinata alle seguenti condizioni:

  1. superamento della verifica (o audit) di mantenimento, che prevede il controllo di tutti i requisiti previsti dalla check list, ad esclusione dello svolgimento del lotto di verifica delle performance, e con particolare focus sulla verifica dei sistemi di monitoraggio e della qualità del trattamento;
  2. superamento delle verifiche infra-periodo previste dall’art. 8 dell’accordo di programma sull’adeguato trattamento;
  3. adempimento degli obblighi di cui all’art. 9 dell’accordo di programma sull’adeguato trattamento;
  4. possesso delle certificazioni ISO 14001 o EMAS;
  5. rispetto delle condizioni previste nel Regolamento operativo.

Sì, l’iscrizione al registro è un obbligo di legge, come definito all’art. 33 del D. Lgs. 49/2014.

L’iscrizione è gratuita ed è richiesta anche agli impianti che svolgono la sola attività di movimentazione e stoccaggio dei rifiuti elettronici (operazione R13) indipendentemente dalla loro origine (domestica o professionale).

Sì, la comunicazione è obbligatoria e deve avvenire entro il 30 aprile di ogni anno, come definito all’art. 33 del D. Lgs. 49/2014.

Per effettuare la dichiarazione è necessario accedere alla propria area riservata sul portale del CdC RAEE. La dichiarazione deve essere compilata anche qualora non siano stati gestiti RAEE (dichiarazione a zero).

No, l’accreditamento non è obbligatorio. È necessario esclusivamente per ricevere i RAEE di origine domestica conferiti dai Sistemi Collettivi nell’ambito dell’accordo di programma sull’adeguato trattamento siglato tra le associazioni delle aziende del trattamento e il CdC RAEE.

Il soggetto che desidera aprire un impianto di trattamento dei RAEE deve rivolgersi alle autorità competenti per la verifica delle autorizzazioni necessarie e valutare gli aspetti tecnico/economici, eventualmente con un esperto di settore.

Il CdC RAEE mette a disposizione una mappa degli impianti presenti in Italia registrati al proprio portale e le schede che illustrano la composizione di alcune AEE al fine di favorirne un trattamento adeguato.
Il CdC RAEE non fornisce attività di consulenza per la realizzazione di impianti di trattamento RAEE.