Focus sulla raccolta

Andamento raccolta RAEE

Non deve spaventare il segno negativo che contraddistingue il risultato della raccolta RAEE nel terzo trimestre dell'anno, che risente del risultato estremamente positivo del pari periodo 2020, influenzato dal forte incremento della raccolta post lockdown. Se si analizzano i risultati dei primi nove mesi dell'anno il risultato è di segno opposto: +17.593 tonnellate rispetto al periodo gennaio-settembre 2020, che corrisponde a un incremento del 7%, a conferma che l'andamento generale del 2021 è decisamente positivo.
Complessivamente
in questo arco di tempo sono state avviate a corretto smaltimento 284.302 tonnellate di rifiuti elettrici ed elettronici.

Dettaglio raggruppamento e macroaree

L'incremento della raccolta si rivela uniforme in tutte le macroaree italiane: +6% per il Nord e +7% per le altre aree, con un dato particolarmente positivo per il Sud e le isole sia in R3 (+14%) sia in R5 (+10%).
Se la raccolta nei raggruppamenti di piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo e delle sorgenti luminose cresce in maniera contenuta (+2%), è più netto l'incremento per i raggruppamenti di freddo e clima (+6%) e grandi bianchi (+7%).
Di particolare interesse il dato di raccolta di apparecchi con schermi (+11%), influenzato sicuramente dal 'Bonus TV' stanziato dal governo e attivo dal 23 agosto scorso. Da quella data a fine settembre la raccolta di questo raggruppamento è cresciuta, infatti, incessantemente: +33,49% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, con una media giornaliera per ritiro che passa da quasi 204 a più di 272 tonnellate.

Raccolta gennaio - settembre 2021

Tasso di puntualità

Tra luglio e settembre le missioni gestite dai Sistemi Collettivi sono state 57.456, quasi il 9% in più rispetto ai due trimestri precedenti. Valore anch'esso collegato all'aumento delle richieste di ritiro di televisori e monitor che registrano un incremento superiore al 19% rispetto ai due trimestri precedenti, a fronte di una crescita del 6% per gli altri raggruppamenti.
La rapidità di servizio, sicuramente messa alla prova dalle maggiori movimentazioni richieste, rimane comunque superiore alla soglia stabilita, attestandosi al 98,12%.