Gli obblighi delle parti per la gestione dei RAEE domestici

L'Accordo previsto dall'articolo 15 del d.lgs. 49/2014, che definisce la gestione dei centri di raccolta comunali, prevede degli obblighi per le parti coinvolte: i Sistemi Collettivi che effettuano il servizio di logistica e i Sottoscrittori, in relazione al singolo centro di raccolta.

I vincoli sono esplicitati sia nell'Accordo stesso sia al paragrafo 7 dell'allegato “Condizioni Generali di ritiro”.

I Sottoscrittori sono tenuti a garantire il conferimento di tutti i RAEE domestici, anche quelli che richiedono una gestione specifica, tra questi i pannelli fotovoltaici installati in impianti con potenza nominale inferiore ai 10 kW; questa tipologia di RAEE va conferita nel raggruppamento 4. Le istruzioni del GSE prevedono la sottoscrizione da parte del centro di raccolta di una dichiarazione di avvenuta consegna del RAEE derivante dal pannello fotovoltaico incentivato in Conto Energia.

I Sistemi Collettivi forniscono in comodato d'uso gratuito le unità di carico adeguate al conferimento dei RAEE. I contenitori devono risultare rispondenti allo standard definito e in buono stato di conservazione, la loro numerica è concordata in maniera congiunta tra Sistemi Collettivi e Sottoscrittori sulla base di dati indicativi, quali gli spazi disponibili e le quantità raccolte. Per garantire l'obiettivo comune di un'adeguata raccolta dei RAEE, eventuali esigenze legate alle unità di carico non devono rappresentare un limite al conferimento da parte del cittadino, ma devono essere gestite con il Sistema Collettivo per adeguare le dotazioni esistenti.

Altri obblighi per entrambe le parti coinvolte riguardano requisiti autorizzativi, di sicurezza, di protezione dei dati sensibili e di formazione del personale, anche a tutela di cittadini e operatori che hanno accesso al centro di raccolta.

Le autorizzazioni sia del singolo centro di raccolta sia dei soggetti incaricati del ritiro devono essere rese disponibili e deve essere comunicata ogni variazione significativa. È prevista la nomina di un referente operativo con il compito di garantire la propria disponibilità per le necessità correlate ai servizi e di semplificare le comunicazioni dirette tra le parti.

Gli impegni di tutti i soggetti coinvolti prevedono inoltre l'obbligo a osservare tutte le altre norme vigenti connesse allo svolgimento del servizio, in linea con quanto definito nell'Accordo.