Focus sulla raccolta

Andamento raccolta RAEE

La ripresa della raccolta di RAEE domestici registrata a partire dalla fine del lockdown prosegue anche nel terzo trimestre del 2020, attestandosi a quota 108.544 tonnellate. Il dato risulta in crescita del +17% a luglio e del +12% a settembre, nuovamente in linea con il trend dei primi mesi dell'anno; fisiologicamente più contenuto l'incremento di agosto (+8%), che rimane però nettamente positivo.
La raccolta dei primi nove mesi dell'anno si attesta così al +5,49% rispetto all'anno precedente, pari a 266.689 tonnellate complessive, dato sicuramente positivo in considerazione dei due mesi di totale stop della raccolta.

Dettaglio raggruppamento e macroaree

Particolarmente positiva la raccolta registrata nel Sud e Isole, che con un +23% stacca decisamente le altre due aree del Paese, che si "fermano" a +7% (Nord) e +14% (Centro).
Traina l'andamento positivo il Raggruppamento 2, che con un incremento dell'19% evidenzia il risultato migliore, seguito da R3 (+11%), ed R1 (+10%). Inferiore, ma sempre positiva, la crescita di R5 (+5%).

Tasso di puntualità

Dall'inizio dell'anno i Sistemi Collettivi hanno gestito 147.185 ritiri sull'intero territorio nazionale. Dal confronto dei ritiri degli ultimi tre mesi, 19.709 di media, con quelli del precedente trimestre interessato dal lockdown (14.570) si nota un totale ritorno alla normalità nella raccolta. Se si confrontano, invece, le richieste di ritiro di due specifici mesi (gennaio e settembre), afferenti al pre e al post lockdown emerge addirittura una crescita nel servizio erogato dai Sistemi Collettivi. Questo senza alcuna perdita di efficienza, tornata in linea con quella dei mesi iniziali dell'anno, sempre nettamente superiore al livello minimo di puntualità del 97%, autoimposto dai Consorzi stessi.